Indice

Canzoni

HOME

 

STORIA  DI  CASALBORE

 
 


Rit.: 'Mb˛, 'mb˛, 'mb˛...paese mio stai megghio mo.

Quannu nascietti io cummannavenu li Nurmanni
uommeni de 'uerra che facevenu sulu danni.

Facierenu la Torre che sta ancora qua 'mpalata:
mo serve sulamente a mantenÚ 'na palizzata.

Po' venne a dettÓ legge nu 'ruosso 'mperatore,
se chiamava Federico e faceva lu cacciatore.

Li Francisi e li Spagnuoli se mettiereno a cumbatte
e io me n'ascietti cu tutte l'osse rotte.

Li Shabran(ne) e li Guevara, li Caracciolo e li Sforza,
se futtierenu lu megghio e me lassarenu le torza.

Pe' lu paese allora ce passava lu Tratturu,
da l'Abruzzo e da la Pugghia ce veneveno li pasturi.

E quannu in Francia venne la Rivuluzione
io cunuscietti sulu la Restaurazione.

Po' Garibaldi fece l'Unificazione
e Vittorio Emanuele fu peggio de lu Burbone.

A la prima e a la seconda de le 'uerre mundiali
chi¨ de cinquanta figghi se mettiereno le ali.

E mo che vivu 'npace, doppo tutti quissi 'uai,
vogghiu ca 'ssi tiempi nun avessera turnÓ mai.
 

 

 

 

Per ascoltare questa canzone

clicca qui